RELAZIONI TENUTE ALL'UNITER

Due fattori hanno mutato recentemente le forme della trasmissione culturale e modificato il modo in cui noi stessi percepiamo la realtà che ci circonda: il mezzo radio-televisivo e l’uso di internet tramite computer, tablet, telefonini.

Con le parole di Marshall McLuhan (1911 –1980) possiamo definire il mondo in cui viviamo un ‘villaggio globale’, poiché la gran parte d’umanità, che oggi s’avvale della rivoluzione digitale, può essere costantemente in contatto con altri ovunque si trovino e conoscere eventi accaduti anche a grande distanza. E’ come se vivessimo nel ridotto spazio di un piccolo villaggio, ed è ciò che è effettivamente accaduto in migliaia di anni della storia umana. Già nel Rinascimento, con l’invenzione della stampa a caratteri mobili, la trasmissione della cultura e la sua diffusione avevano interessato nuovi strati sociali rispetto alle civiltà classiche e al M.E. Ma è solo nel XX sec. che si può parlare di comunicazioni di massa: grazie alla diffusione della radio, della televisione e del digitale il messaggio può raggiungere ormai miliardi di persone di ogni condizione sociale contemporaneamente in tutto il mondo.

Questa enorme crescita nelle possibilità della comunicazione non è stata e non è priva di conseguenze antropologiche, perché è evidente che scrivere o leggere un libro o una lettera è ben diverso che scrivere o leggere un messaggino telefonico o usare whatsApp. Il tempo di lettura e di elaborazione dei testi nella comunicazione digitale si è enormemente ridotto e l’attenzione alle regole della scrittura è molto meno rigida, privilegiandosi proprio la velocità del messaggio a scapito della sua chiarezza concettuale. Spesso inoltre, accanto al messaggio verbale, parte della comunicazione digitale è integrata da immagini e suoni: filmati, foto, emoticons. Senza voler demonizzare i nuovi mezzi della comunicazione, l’Uniter tenta di affiancare all’uso corretto dei nuovi mezzi la consapevolezza dei limiti e delle distorsioni presenti in tali forme di comunicazione.

Tenta altresì di proporre forme più articolate e tradizionali della comunicazione attraverso incontri culturali su vari argomenti, affiancando alle conversazioni, dove è possibile, relazioni scritte che possono essere utili per la rilettura e l’approfondimento dei temi trattati. A tal fine, avvalendoci dei nuovi mezzi di comunicazione, abbiamo messo in rete sul nostro sito una serie di relazioni su vari argomenti che affrontano problematiche attuali, e che contiamo di arricchire maggiormente nel corso del tempo.

 

 

RELAZIONI ANNO ACCADEMICO 2017/2018

Relazione del 10 novembre 2017 Prof.ssa Ippolita Luzzo, Le amiche. Etica Nicomachea.

RELAZIONI ANNO 2017

Relazione del mese di maggio 2017 Prof. Pino Gullà, Papa Francesco e la complessita’ del mondo contemporaneo.

Relazione del 31 marzo 2017 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, Grazia Deledda, 90 anni dal Nobel, 80 dalla morte.

Relazione del 15 marzo 2017 Prof.ssa Caglioti, SIMONETTA AGNELLO HORNBY: il suo impego giuridico, sociale e letterario.

 

RELAZIONI ANNO 2016

Relazione del mese di maggio 2016 Prof. Pino Gullà, Osservando la politica … quale partecipazione consapevole? Comunicazione e potere in politica.

Relazione del 29 aprile 2016 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, “ Uno dei grandi misteri dell’epoca sovietica: la morte del poeta Vladimir Majakovskij. Suicidio o omicidio?”

 

RELAZIONI ANNO 2015

Relazione del 13 maggio 2015 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, “La figlia del papa: una vita incredibile da raccontare, una versione diversa dal punto di vista storico”.

Relazione del 30 marzo 2015 Prof.ssa Anna Stella Scerbo, Marina Ivanovna Cvetaeva - Dell’amore e del dolore

Relazione del 13 marzo 2015 Armido Cario, Illuministi e riformatori del Settecento meridionale

Relazione del 20 febbraio 2015 Prof.ssa Caglioti, LA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E LA SCOMMESSA DEL DIALOGO UNIVERSALE

Relazione del 30 gennaio 2015 Pianta alberi che daranno frutti alla generazione successiva (“La vecchiaia”- Cicerone)

Relazione di gennaio 2015 Prof. Pino Gullà, Come eravamo e come siamo in politica nella realtà e nell'immaginario.

 

RELAZIONI ANNO 2014

Relazione del 7 novembre 2014 Prof. Italo Leone, Ricordando Maria Cianflone

Relazione del 29 maggio 2014 Prof. Italo Leone, " Il Postmoderno e l'Italia della Grande Bellezza "

Relazione del 26 marzo 2014 Prof.ssa Caglioti, " DORIS LESSING "

Relazione del 12 marzo 2014 La Calabria del settecento

Relazione del 21 febbraio 2014 Prof. Italo Leone, La grande letteratura dell'Occidente. La spiegazione scientifica della Natura in Lucrezio

Relazione del 14 febbraio 2014 Dott. Mario Andrea Salluzzo, I FIGLI DEI GENITORI SEPARATI. L'esigenza della bigenitorialità

Relazione del 7 febbraio 2014 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, Alice Munro, premio Nobel per la Letteratura 2013: Maestra del racconto breve contemporaneo

Relazione del 29 gennaio 2014 Prof. Italo Leone, Come se l'accarezzasse il vento Calafuri

Relazione del 24 gennaio 2014 Prof.ssa Ippolita Luzzo, Il destino di alcuni libri pubblicati postumi

 

RELAZIONI ANNO 2013

Relazione del 27 novembre 2013 Prof. Giovanni Cimino, Il Germe della Relatività, i primi trenta anni che sconvolsero la Fisica

Relazione del 15 novembre 2013 Prof.ssa Vittoria Butera, Natale come rito di passaggio

Relazione del 24 aprile 2013 Prof. Italo Leone, Ines Pugliese. Molto dopo la mezzanotte

Relazione del 1 marzo 2013 Prof. Italo Leone, Caratteri della poesia lirica e commento alla raccolta poetica di Franca Di Leone Mercuri, Gocce di rugiada.

Relazione del 27 febbraio 2013 Marinella Vitale, “RATAPLAN”, il romanzo del nostro conterraneo Giuseppe Notaro

 

RELAZIONI ANNO 2012

Relazione del 14 dicembre 2012 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, Saverio Strati

Relazione del 23 novembre 2012 Prof.ssa Ippolita Luzzo, Gli anni settanta

Relazione del 21 novembre 2012 Prof.ssa Vittoria Butera, “ Civiltà di colpa ” e “ Civiltà di vergogna ”

Relazione del 16 maggio 2012 Prof. Italo Leone, Seymour Loyd e la clessidra del diavolo

Relazione del 13 aprile 2012 Indusimo e Cristianesimo tra fede e cultura

Relazione del 29 febbraio 2012 Renato Borrello, CALABRIA, ITALIA, MEDITERRANEO

Relazione del 15 febbraio 2012 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, “Il grande dandy” il nuovo libro di Marcello Sorgi. Un personaggio simbolico di un’epoca

Relazione del 10 febbraio 2012 Letteratura e vita vissuta: Malpelo e Iqbal, paradigmi della piaga ancora aperta del lavoro e dello sfruttamento minorile

 

RELAZIONI ANNO 2011

Relazione del 30 novembre 2011 Prof.ssa Anna Stella Scerbo, LA POESIA: Varie ed eventuali

Relazione del 25 novembre 2011Prof.ssa Vittoria Butera, “ Il Silenzio ” di Enrico Meo

Relazione del 23 novembre 2011 Prof. Italo Leone, La depressione: un percorso di illuminazione nel dolore?

Relazione del 18 ottobre 2011 Prof.ssa Ippolita Luzzo, Ricordo di Nerina Guzzi

Relazione del 6 aprile 2011 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, “ Ritratti e atmosfere nei sentieri della psicoterapia ”

Relazione del 1 aprile 2011 Prof.ssa Caglioti, “ MEMORIA IDIVIDUALE E MEMORIA COLLETTIVA ”

Relazione del 14 gennaio 2011 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, “ Né rabbia né orgoglio” conversazione su Oriana Fallaci

 

RELAZIONI ANNI 2010 e 2009

Relazione del 20 maggio 2010 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, “ Posso dire una cosa?” - Il libro di Miao Pioi

Relazione del 11 aprile 2010 STORIA E MITO DI UNA DONNA: ELEONORA DUSE

Relazione del 15 gennaio 2010 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, Edda Ciano e il comunista. L’inconfessabile passione della figlia del duce

Relazione del 22 aprile 2009 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, La Storia. Il più celebre e discusso tra i romanzi di Elsa Morante

Relazione del 18 febbraio 2009 Prof.ssa Costanza Falvo D'Urso, IL CASO DI GOLIARDA SAPIENZA e del suo romanzo L’ARTE DELLA GIOIA